Dal libretto sanitario al corso HACCP, sicurezza alimentare in Friuli Venezia Giulia

Gennaio 04, 2012

Dal libretto sanitario al corso HACCP, sicurezza alimentare in Friuli Venezia Giulia

Contestualmente l’abolizione del libretto sanitario con Legge Regionale n°21 del 18/08/2005 la Regione autonoma Friuli Venezia Giulia ha reso obbligatoria la formazione HACCP per tutti quei soggetti che in qualsiasi modo e maniera svolgano attività riconducibili al settore alimentare.

Tale decisione fu presa per andare a colmare un buco normativo insito nel rilascio del libretto sanitario stesso, infatti in questo modo veniva garantita l’idoneità sanitaria dell’individuo mentre non ne certificava in alcun modo la professionalità nello svolgere attività sempre delicate quando si parla di sicurezza alimentare e tutela del consumatore.

La Regione stessa, poco prima dell’abolizione del libretto, aveva emanato con il Protocollo n° 9916 del 12/05/2008 le linee guida per l’attuazione dei corsi HACCP di formazione che da lì a poco sarebbero divenuti obbligatori.

Il Protocollo introdusse anche pene pecuniarie amministrative importanti qualora le Aziende per i servizi sanitari, incaricate del controllo dell’applicazione della nuova normativa, avessero riscontrato inadempienze rispetto la formazione.

La formazione deve essere erogata, anche attraverso un corso HACCP online, a tutte le persone che svolgano un qualsiasi ruolo all’interno della catena alimentare, dalla commercializzazione alla somministrazione, dal trasporto allo stoccaggio e così via.

Nelle linee guida la formazione viene divisa in tre fasce:

  • Giusta informazione per operatori a rischio limitato;
  • corsi di formazione di minimo 3 ore per tutti gli addetti, a cadenza biennale;
  • corsi da 4 oppure 8 ore, a seconda delle mansioni, per i vari addetti con cadenza quinquennale